Di anni nuovi e rivoluzioni personali - The DIVA Experience -

Di anni nuovi
e rivoluzioni personali

Oggi è il primo lunedì dopo l’Epifania, e di “epifania” in un certo senso ti voglio parlare.

Questo è il giorno tradizionalmente dedicato alle ripartenze e ai buoni propositi.

Io lo dedico a una riflessione e ti regalo un pensiero che mi è stato, a sua volta, regalato da una Donna e un’Amica speciale. Mi ha chiesto di restare anonima e quindi la chiamerò Alice, perché ha scelto di vincere la paura e seguire il Bianconiglio nella sua tana alla ricerca di una versione più autentica di se stessa.

Alice è un’amica ed è stata anche mia modella e in qualche modo musa ispiratrice, ma potrebbe essere chiunque.

Ecco le sue parole:


Il mio 2016 è stato pazzesco.

lo sintetizzo con una frase, forte ma vera:

io credevo di essere finita.

Credevo di essere finita come donna, credevo di aver finito di scoprire, credevo di “non meritare”, credevo di dover stare nel mio angolino perché nel mondo figo non c’era posto per me.

Ho spazzato via tutto.

Ho capito che la prima razzista verso me stessa sono stata io, il primo censore, il primo ottuso critico, la prima snob codarda… IO, IO, IO! ma sempre IO sono stata quella che ha detto basta, quella che ha visto un’altra ME riflessa negli occhi di chi mi stava di fronte, ed IO ho deciso di fidarmi della mia pancia, del mio istinto più viscerale ed ho dato il via ad una rivoluzione.

Io nel 2016 sono rinata: ero morta e sono rinata.
Vivo come se non avessi mai vissuto la mia vita prima.

E nel 2017 ho molte cose da fare.

Alice

Queste sono le sue parole e voglio regalarle ad ogni donna che, come Alice, in un qualunque momento della sua vita
abbia dimenticato di mettere al centro la persona più importante: se stessa.

Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi.

se ti va, la conversazione continua nel mio gruppo privato.

Firma Luciana Ognibene
PS. Se vuoi essere sempre aggiornata su tutti gli articoli del mio blog,
corri a iscriverti alla newsletter: c’è subito un regalo per te.

Share

Leave a comment